“Missione salute” compiuta

Najma-M’interesso di Te 2 collabora con la Misericordia

Seguendo le orme di Papa Francesco, che nella “Giornata mondiale dei Poveri” ha deciso di allestire degli ambulatori mobili in Piazza San Pietro per aiutare tutti coloro che non hanno le possibilità economiche per curarsi, volontari, medici ed infermieri delle Misericordie d’Italia hanno accolto, venerdì 24 e sabato 25 maggio a Catania, persone con difficoltà economiche o sociali per visite mediche e controlli gratuiti.

L’equipe medica costituita da volontari e medici della Misericordia, medici dell’Opera Assistenza Infermi “Beato Card. G. B. Dusmet”, medici del CISOM e liberi professionisti volontari hanno creduto nell’iniziativa e hanno messo a disposizione le proprie competenze professionali a servizio dei bisognosi.

L’obiettivo degli ambulatori mobili e di “Missione salute” “è quello di contrastare il fenomeno della non inclusione sociale e promuovere un servizio di prevenzione e protezione sanitaria gratuito dedicato a tutte le persone che vivono in situazione di marginalità all’interno delle città”.

Accedendo agli ambulatori mobili di “Missione salute”, i pazienti hanno potuto ricevere visite mediche generali, ma anche controlli cardiologici, ortopedici, dermatologici, screening, test Hiv ed epatite, cure infermieristiche di base, informazioni e assistenza medica di base.

Gli operatori di M’Interesso di te 2 Lamin, Roman, Fabio e Marcella hanno invitato e accompagnato minori e giovani adulti stranieri agli ambulatori di Missione Salute, aiutandoli, ove necessario, a comunicare con volontari, medici e infermieri. I ragazzi sono stati visitati dall’equipe di medici e hanno ricevuto assistenza sanitaria oltre a informazioni e consigli d’igiene.

Il progetto “Links – Missione salute” è partito nel mese di febbraio a Sanremo, e ha fatto tappa a Genova, Bologna Perugia, Pescara, Milano, Acqui Terme, Roma, Napoli, Foggia, Bari, Crotone, Cosenza, Reggio Calabria, Livorno, Grosseto e Montecatini prima di giungere a Catania e a Palermo.

Giulia Galeano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: